Page 3 of 8

Percorso di yoga attraverso le favole (per bimbi dai 5 ai 19 anni)

12669700_1697483130531239_7737773823415914399_n

4 incontri da un’ora ciascuno.
Eccovi il programma:

1) breve momento di ascolto – interiorizzazione iniziale.
2) uno o più’ giochi per scaricare la tensione, per il miglioramento della consapevolezza del sé e l’ armonizzazione del gruppo.
3) posizioni yoga, favola e riproduzione della sequenza di posizioni e  movimenti suggeriti dal racconto.
4) rilassamento finale.
5) momento conclusivo di condivisione delle sensazioni provate.
Favole:

La storia di matsyendra “come nasce lo yoga”; Il cagnolino coraggioso; il saluto al sole; il contadino e gli angeli della pace; l’arca di Noè.
Non vorrete mica perdervelo!

Noi siamo gli animali del bosco

Il cacciatore chi catturerà nella foresta delle maschere? Il gufo o forse il capriolo reale? O l’uccello incantato? Certamente il nostro aiuto non avrà.
Orecchio Acerbo Editore, grazie per questo ennesimo capolavoro

Vivere Mi Piace Da Morire

pinoafricano_viveremipiacedamorire

Giovedì 4 Febbraio l’esperto in tecnologie PINO AFRICANO con il suo dissacrante umorismo, in chiave comica, ci aiuterà a riflettere sull’importanza del cibo sano.
Alimentazione e tumori: questo il tema centrale affrontato nell’ultimo lavoro di Pino Africano “Vivere mi piace da morire. Tutti i cibi anticancro, ma proprio tutti”, il volume edito dalla casa editrice Unaltropuntodivista (pp. 209, Euro 14.00), che segue un altro successo editoriale, Aprite Le Orecchiette, dello stesso autore.

Il libro propone 201 “pillole” da prendere tutti i giorni per prevenire i tumori. Attraverso un linguaggio chiaro e incisivo, e con una serie di versi palindromi (che da destra verso sinistra e viceversa si leggono allo stesso modo), l’autore si propone di scardinare i più radicati pregiudizi sul cibo facendo leva sull’importanza di scegliere uno stile di vita sano “che consentirebbe – scrive Franco Berrino nella prefazione al testo – di prevenire molte più malattie di quanto non potrà fare la medicina tecnologica e di prevenire anche la medicalizzazione massiva delle persone anziane”.

Giovedì 4 Febbraio ore 18:30 presso:

SoloBio Corato Prodotti Bio
Via De Gasperi 18, 70033 Corato, Puglia, Italy

Notturno, il giorno dopo

AdobePhotoshopExpress_2e2840ab8a33460a9d802520950aaffe

 

I prodigi della scrittura e della voce di Luisa Ruggio, a Corato il 29 Gennaio 2016.

<Ogni volta che torno a Corato, mi succede qualcosa di magico che mi ricorda certe prime volte in libreria da bambina con mio padre quando ogni storia cominciava a chiedermi un corpo a corpo fatale. Vieni, entra, esci dalla tua vita. Perché una vita non può bastare. Giada, la fata libraia dalla fune di capelli vivi, lo sa, ed è per questo che la Libreria Ambarabaciccicocò è una lanterna magica. Nottetempo non ho dormito, mi restava ancora una dedica da scrivere ed era per Giada, ma nella sua copia ho trovato una lettera d’amore del 1940 di un certo Enrico ad una certa Barbara e le sue parole mi hanno rapito, soprattutto queste frasi ho vegliato pensando alle vite che Notturno mi permette di incrociare: “(…) tu non mi hai chiesto scrivi. Ma io lo faccio perché fuori nevica. Il tempo e la neve sono assoluti e vanno d’accordo.” Sì, anche certi luoghi e certi lettori. grazie>

Notturno (Luisa Ruggio)

12645139_1533713063587721_2731508126534542089_n

Una confezione molto retrò di caramelle alla liquirizia portate da Lisbona, due lettere d’amore degli anni ’10 acquistate in un mercatino dell’usato a Roma, un libro. E che libro.
È di Notturno e di Luisa Ruggio che voglio parlarvi oggi.
Finalmente torna la fata delle parole belle a Corato.
Il 29 Gennaio alle 19:45 in libreria.
Sono felice, come sempre. Anzi di più.
Perché il suo libro esalta il potere salvifico delle lettere, della scrittura e del tempo.
Perché parla di amore e di neve. Perché c’è musica dovunque.
Luisa, mon amour.

Bookclub – L’Amore E Gli Stracci Del Tempo

Il giorno successivo al BookClub, si sa, è dedicato al resoconto della serata. E’ d’obbligo e ci serve per fare il punto della situazione.
Ancora trascinata dalle correnti ascensionali delle emozioni che ci siamo regalati, provo a riassumere.
Il libro “L’amore e gli stracci del tempo” di Anilda Ibrahimi è stato per tutti una scoperta bellissima, straziante e commovente, in un’unica botta. Ha raccontato una storia che ci ha sorpresi tutti d’accordo, senza divisioni o disaccordi.

Ospite d’eccezione, Lina, la dolce e bionda signora albanese che ci ha immersi, con la sua testimonianza, nelle tradizioni folcloristiche del suo Paese e nelle drammatiche ore delle guerre Balcaniche. Lina, piena di emozione, con estrema delicatezza ha regalato a noi, uditori attenti e curiosi, pezzi di vita sua e dei suoi cari.
Ho subito domandato ad ognuno dei lettori, di pronunciare un giudizio sul libro utilizzando solo un aggettivo qualificativo.
Poi, come sempre, abbiamo attraversato la storia soffermandoci sui capitoli più significativi. Belle le lacrime di Anna, le osservazioni di Stefano, l’attenzione di Giuseppe, gli stralci letti da Lucia, lo stupore di Loredana quando ha trovato Lina, le domande di Gaetano.
Grazie a Miriam, alle terlizzesi Francesca e Pasqua, a Elisabetta che è venuta da Mola di Bari, ad Antonella e la sua amica, nuovo acquisto del Book Club, ai pasticcini e allo spumante di Pino Caterpino ed anche a Carla, che sta ancora studiando per una scadenza.
Grazie a Gianni, il mio fotografo del cuore.

Una calza per la befana

 

Un dietro le quinte magico.
Stoffe e storie tutte per noi.

Grazie…

Grazie per averci scelto anche quest’anno come dispensatori di buoni consigli e bei libri.

Buon Natale!

“Ho sempre pensato al Natale come ad un bel momento. Un momento gentile, caritatevole, piacevole e dedicato al perdono. L’unico momento che conosco, nel lungo anno, in cui gli uomini e le donne sembrano aprire consensualmente e liberamente i loro cuori, solitamente chiusi.”
Canto di Natale, Charles Dickens

Appuntamento al buio con un libro

libri al buio

Abbiamo preso della carta da pacco marrone, del filo di spago rustico, un pennarello rosso e abbiamo scritto sulla carta da pacco un po’ di parole chiave che insieme possono descrivere il libro, ma che lette singolarmente hanno poco senso e, infine, c’abbiamo confezionato un libro, trasformandolo in un pacchetto anonimo dove titolo, autore, trama e soprattutto copertina sono nascosti al lettore cliente.
L’idea – bellissima – è’ stata partorita dallo staff della Elizabeth’s Bookshop di Sidney che ha creato, appunto, il progetto Blind Date with a Book, letteralmente “appuntamento al buio con un libro”.
E noi, ammirando l’idea, l’abbiamo riprodotta nella nostra Libreria Ambarabacicicocò.
Ecco un assaggio…

Gli animaletti in stoffa di Ceci

Oggi vi presentiamo la linea Animali Strambi creati da Ceci (pronunciato e letto alla francese).
Sono interamente fatti a mano, morbidi e coloratissimi.
Per ora sono abbarbicati al nostro albero…

« Older posts Newer posts »

© 2018

Theme by Anders NorenUp ↑